E poi si va in gita a Napoli!

E poi si va in gita a Napoli!

Napule… è mille culure…
E così, sulle note della celebre canzone del grandissimo Pino Daniele, voglio raccontarvi un po’ della mia gita a Napoli.

In gita a Napoli: come, quando e dove.

Un ottimo punto di partenza per visitare Napoli è Piazza Garibaldi. Qui si trova la stazione centrale dei treni ma anche il Terminal della metropolitana collinare, quella che comprende  la famosissima fermata di Toledo, incoronata dal quotidiano inglese The Daily Telegraph,   la stazione della metropolitana più bella d’Europa.
Percorso tutto il Rettifilo (circa 1,3km a piedi) ti troverai a Piazza Bovio e da lì, proseguendo per via Cardinale Guglielmo e via Medina, arriverai a vedere il maestoso Maschio Angioino e l’elegante Teatro San Carlo per poi giungere ad ammirare Piazza Plebiscito in tutto il suo splendore.

Piazza del plebiscito

Piazza del plebiscito

Qui puoi fermarti ed emozionarti di fronte al Vesuvio visto dal piccolo belvedere che affaccia sul lungomare di via Caracciolo, ma avendo poco tempo ti consiglierei di goderti solo per un attimo il panorama e non iniziare a passeggiare da quel lato: il mare ti rapirebbe gli occhi, scorgeresti il Castel dell’Ovo in lontananza e ti verrebbe voglia di raggiungerlo, per vedere anche il Borgo Marinari.

Il vesuvio

…E in gita a Napoli non te lo fai n’u cafè?!

Napoli è la città del caffè…è il caffè! Io ho optato per il  Gambrinus, storico locale accanto a Piazza Plebiscito. Arredato in stile Liberty, conserva al suo interno stucchi, statue e quadri della fine dell’Ottocento realizzate da importanti artisti napoletani.
Una curiosità in merito: pare che sia ormai buona consuetudine del Presidente della Repubblica fare la prima colazione del’anno proprio qui.

Caffe Gambrinus

Caffe Gambrinus

…Ok, domani tutti a dieta!

Da lì a pochi metri si trova Pintauro, famoso per le sue sfogliatelle dal 1785. Bisogna assolutaemnte assaggiarne una…Anzi, facciamo due, una riccia e una frolla. Ok, esageriamo: anche il babà e domani dieta!
Se invece sei un amante dei salati non puoi certo esimerti dal gustare la celebre pizza di Sorbillo in Via dei Tribunali. Il locale, con pietre ai muri e tavoli in marmo e rame, è confortevole e fascinoso ed ha, come per incanto, “fermato il tempo”. Unica pecca, come tutti i posti rinomati, è la quasi sicura fila estenuante della quale dovrai prendere atto.

la-pizza-di-sorbillo

L’incanto della vera pizza napoletana

Siamo quasi alla fine della mia gita a Napoli e, dopo aver attraversato anche la famosissima Spaccanapoli ed i quartieri spagnoli, me ne torno in stazione e vi lascio con una citazione di Pasolini  “Io so questo: che i Napoletani oggi sono una grande tribù che anziché vivere nel deserto o nella savana, come i Tuareg o i Beja, vive nel ventre di una grande città di mare.”

Arriva dritta al cuore, come tutto ciò che anima questa magnifica città.

Ah, dimenticavo! Se non siete amanti delle lunghe passeggiate, potrete acquistare un biglietto a 3.50, all day, per metro e autobus.

In gita a Napoli: outfit

Per la mia gita a Napoli, vista la temperatura, ho utilizzato un look molto primaverile ed elegante.
Pantalone David Naman con camicia bianca, il tutto sorretto da bretelle nere ed un mocassino Sparco, molto comodo ed ottimo per lunghe camminate. Per quanto riguarda gli accessori sono rimasto sul nero affidandomi in pieno al made in Italy: la tracolla Armani Jeans ed orologio Emporio Armani, a taglio rettangolare che hanno completato il mio outfit.

Avvicinandomi alla costa non ho esitato ad indossare il mio giubbotto di pelle Calvin Klein che mi ha salvato dal vento che faceva da padrone.

Prossima tappa?

Non vi resta che seguirmi e scoprirlo da soli !!!

Ciao!

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *