fbpx

Il 2018 veste British: outfit e Principe di Galles!

Il 2018 veste British: outfit e Principe di Galles!

In flanella o lana, a motivi check o  tinta unita. A dominare, quest’anno, è un’eleganza dal gusto inglese venata da qualche tocco eccentrico. La vestibilità è fluida e si muove lungo le bisettrici di uno stile decontratto che coniuga comfort e qualità: oggi vi parlo del Principe di Galles.

Brand e Principe di Galles

Corneliani ha proposto un Suit a disegni glen plaid su Principe di Galles durante l’ultima edizione del Pitti e devo ammettere che mi ha colpito molto perchè è proprio il tipo di outfit che utilizzo più spesso durante la stagione invernale. Il tessuto, che copre dalla cintola in giù è firmato David Naman e regala un’ immortale alternativa.

Inverno classico

Classy winter in David Naman

Tod‘s nella sua collezione autunno inverno presenta un mondo di eleganza uniform e traduce il grande freddo di un bosco in un moderno lifestyle, pensato per chi vive in città.
Anche lui si affida prevalentemente allo stile ”british ”sopracitato e, con il loro inconfondibile taglio sartoriale, abbina il tutto nelle raffinate tonalità del blu, del grigio, dell’avena e del cacao.

Un armadio in Principe di Galles…o quasi!

Nel mio armadio ho qualcosa di simile, lo unisco ad uno stile più casual con sneakers bianche, camicia e occhiali con montatura in legno (Plantwear) : il risultato è un connubio di semplicità e colorazioni accese.
Manca ovviamente un giubbotto, in tal caso consiglierei un rennino a riprendere la versatilità della scacchiera in questione.

Principe di Galles

Tante le proposte per la moda uomo 2018 che vedono l’uomo tornare alla ribalta sia con un abbigliamento più casual e neo-dandy. Per restare in tema vi regalo la mia ultima ”chicca” ; date un’occhiata al pantalone che ho indossato nella foto in copertina: beh per me è uno dei migliori del mio guardaroba, prettamente invernale con tessuto in viscosa,  abbinabile sia in stile classy o, come in questo caso, street-style.
Targato Zara, è un prodotto veramente unico.

 

no, non fate caso alla t-shirt: primo, sono calorifero, secondo c’erano 18 gradi, terzo avevo lasciato il cappotto….Dove ho lasciato il cappotto?

Ragazzi, un saluto e al prossimo post…mi metto alla ricerca de capo perduto. Sempre usare un cappotto d’inverno…almeno non rischiate di smarrirlo!

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *