fbpx

Montecchi, Capuleti, storia, tradizione…e pandori. A spasso per Verona!

Montecchi, Capuleti, storia, tradizione…e pandori. A spasso per Verona!

Ama, ama follemente, ama più che puoi e se ti dicono che è peccato ama il tuo peccato e sarai innocente. Romeo e Giulietta, William Shakespeare.
No, no, non mi sono perso nell’attimo romantico, però ho deciso di condurvi in quel della magnifica città che ispirò la mano di Shakespeare per la più bella delle storie d’amore. Ebbene, oggi si va a spasso per Verona!

A spasso per Verona panoramica view adpfashionstyle travel

A spasso per Verona: storia, tradizione e amore

Vae Roma – cioè maledetta Roma. Triste anche solo da pronunciare per un Romano come me, ma a quanto pare, sembra che il capo gallico Brenno chiamò il suo insediamento proprio con quell’appellativo, nome che nei secoli si è poi modificato in Verona.
Teodorico, Longobardi, Galli, Carlo Magno…solo di storia medievale si potrebbe scrivere un intero manuale, e il medioevo si percepisce in ogni angolo di questa splendida città che è, inoltre, patrimonio UNESCO. Purtroppo, avendo a disposizione solo due giorni, mi sono concentrato su poche e salienti tappe.
Eccole!

Casa e tomba di Giulietta

Due Tappe obbligate.
Qui si respira amore, profumo di storia, di battaglie, di odio, di rivalità fra famiglie…esattamente come fra i Montecchi e i Capuleti!
La casa in via Cappello è un palazzetto in stile gotico, il cui  cortile  è dominato dalla statua della dolce Giulietta, sfiorata da orde di single che sperano di trovare l’anima gemella.

casa di giulietta a spasso per verona adpfashionstyle travel

…e guardate il muro dietro di me…migliaia di dediche d’amore!

Secondo la tradizione, invece, il luogo sepolcrale della giovane Capuleti è all’interno dell’ex convento dei frati Cappuccini, ora Museo degli affreschi “Cavalcaselle”.

tomba di Giulietta

Chiostro del convento dei Cappuccini

 

Ponte  di Castelvecchio e palazzo della Ragione

Sarà anche piccola ma potreste impiegare giorni nel visitarla: andare a spasso per Verona significa imbattersi in epoche diverse, in diversi stili architettonici influenzati a loro volta da diversi soggetti storico-politici.

Il palazzo della Ragione, ad esempio, sorse come edificio privato ma successivamente assunse funzioni pubbliche importanti, sebbene dopo il dominio di Gian Galeazzo Visconti, la città e tutti i suoi palazzi persero di potere e importanza. Fu solo grazie al passaggio sotto al dominio della Repubblica di Venezia, nel 1405, che Verona tornò a risplendere. Il palazzo, che ospitava la sede del più grande organo giudiziario, fu chiamato da allora palazzo della Ragione.

scala ragione

Scala della Ragione

Tra le altre piccole tappe, il ponte di Castelvecchio che attraversa l’Adige e sì, la celebre Arena.

fot ponte castelvecchio 2

ponte di Castelvecchio

Non si hanno date certe sull’edificazione di questo anfiteatro romano, ma sappiamo con certezza che nel 69 D.C era già costruita e che fu inclusa nel sistema di sicurezza voluto dall’imperatore Galieno per fermare l’avanzata dei Barbari.

arena di verona adp fashionstyle

…e pioggia per me davanti l’Arena

Insomma, Verona è così: un piccolo scrigno colmo di tesori da scoprire ad ogni metro! E vogliamo parlare del cibo e delle tradizioni culinarie?
E facciamolo, via!

Verona ‘n food

Il protagonista dei dolci natalizi, quello che accompagna, assieme al collega panettone, il Natale di tutte le famiglie italiane, è nato proprio qui.
Ebbene, il primo Pandoro fu creato nientemeno che da Domenico Melegatti – sì, proprio quel Melegatti – che ottenne la certificazione di privativa industriale quando presentò il suo dolce a forma di stella ad otto punte.

E visto che parliamo di cibo, non posso non menzionare lo strepitoso ristorante in cui ho cenato e che suggerisco vivamente nel caso di una vostra sosta a Verona: il ristorante Vittorio Emanuele, stellato Michelin, è l’apoteosi del gusto e il nirvana del palato. Dalla presentazione alla degustazione dei piatti…il paradiso in un ristorante!

vittorio emanuele ristorante

Amici, Italiani e non, alla fine del post, eccovi un’altra perla della nostra bellissima penisola che merita di essere visitata e vissuta. Emozionatevi, incantatevi, lasciatevi trascinare da Giulietta e ROmeo. Innamoratevi di Verona!

 

A presto!

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *